Vi avevamo parlato ieri della notizia che la regista Patty Jenkins non aveva ancora firmato per il sequel di Wonder Woman, notizia che aveva scosso il mondo di internet. La settimana scorsa, il film stand alone dell’eroina dei DC Comincs è arrivato al cinema, ottenendo risultati eccezionali ed oltre ogni aspettativa. Sia la critica che i fan hanno apprezzato Wonder Woman, e gran parte del successo del film lo si deve alla visione della Jenkins. I fan, in particolare, sono ansiosi di ricevere la notizia che la regista venga messa sotto contratto per un sequel, chiedendosi il perché la Warner Bros. non abbia bloccato Jenkins prima. Ora, sembra che i fan abbiano ricevuto una risposta su questa delicata questione.

Scorrendo le pagine del The Wrap, è possibile leggere nuovi dettagli sul contratto della Jenkins con la Warner Bros. Secondo le loro fonti, infatti, Jenkins non ha ancora firmato per un secondo film, e non c’è ancora nemmeno un’opzione in atto con la regista. Questa opzione, che avrebbe permesso contrattualmente alla Warner Bros. di chiamare la Jenkins per un altro film, non è stata stabilita nel momento in cui la regista ha sostituito Michelle McLaren.

Le fonti dicono anche che la Warner Bros. ha accettato di negoziare un nuovo accordo con la Jenkins per un motivo specifico: gli studios volevano assicurarsi che Wonder Woman ricevesse un grande apprezzamento anche dal pubblico internazionale. E avendo il film superato ogni record al debutto al box office, è finalmente al sicuro l’interesse della Warner Bros. nel riportare indietro la Jenkins per realizzare un nuovo film.

Se siete curiosi sugli accordi di Gal Gadot per il sequel di Wonder Woman, allora dovreste sapere che l’attrice è obbligata da contratto a realizzare almeno un altro film.

Sempre secondo le fonti del The Wrap, Gadot potrebbe richiedere un aumento, dal momento in cui venga dato inizio alle riprese del secondo film; si dice infatti che i suoi rappresentanti si stiano preparando per importanti negoziati.

Per i molti fan, può suonare strano il fatto che ci sia stata questa limitazione al contratto della Jenkins, considerando l’enorme successo di Wonder Woman, ma in realtà si tratta di una pratica standard ad Hollywood. Un accordo per un solo film viene realizzato infatti per proteggere gli studios e i loro franchise nel caso in cui le visioni dei registi risultino dei flop. All’interno dell’universo MCU, ad esempio, i film di Thor sono stati tutti diretti da diversi registi; ma anche il caso opposto si verifica con una certa regolarità, e molti franchise si affidano ad un unico regista. E’ il caso di James Gunn, che al momento è l’esperto de facto per tutto ciò che riguarda Guardiani della Galassia, guida di tutte le avventure cosmiche del MCU.

Leggi anche – La Recensione e Videorecensione

Wonder Woman” arriverà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo la prossima estate, quando Gal Gadot ritornerà nei panni della protagonista dell’epico titolo action / adventure della regista Patty Jenkins. Prima di essere Wonder Woman, era semplicemente Diana, principessa delle Amazzoni, addestrata per essere una guerriera invincibile. Cresciuta in una paradisiaca isola nascosta al mondo fino a quando un pilota americano si schianta col suo aeroplano sulle coste e racconta di un conflitto devastante che infuria nel mondo esterno, Diana quindi lascia la sua casa, convinta di poter fermare la minaccia. Combattendo al fianco dell’uomo in una battaglia per porre fine a tutte le guerre, Diana scoprirà i suoi pieni poteri … e il suo vero destino”.

VIA

 

LASCIA UN COMMENTO

Commenta
Inserisci il tuo nome