Rotten Tomatoes tira le somme dai primi voti aggregati dalla critica di settore che sancisce una sonora bocciatura per Venom con Tom Hardy

Dopo le prime impressioni ufficiali di ieri su Venom, ci arriva il voto aggregato della critica di settore su Rotten Tomatoes che conferma le reazioni estremamente negative.

Leggi anche – Venom avrà due scene post credit

Al momento Venom è classificato “Rotten” cioè “marcio” in base ai voti aggregati, con una maggioranza negativa di recensioni. Infatti 21 su 8 recensioni bocciano il film con un 4.3/10 e un voto generale che si ferma sul 28%. Affinché Venom raggiunga una valutazione “Fresh“, “fresca“, avrebbe bisogno di almeno il 75% di recensioni positive, una volta che almeno 80 recensioni siano presenti.

Il riassunto del consenso della critica conferma che la bocciatura arriva per i seguenti motivi:

Il primo film standalone di Venom si rivela il personaggio peggiore tratto dai fumetti – caotico, fastidioso e con un disperato bisogno di Spider-Man.

Leggi anche – Deadpool 2: svelato il titolo della versione natalizia

venom

Come possiamo vedere però dallo screenshot il 93% del pubblico, in questo momento 3.524, è comunque ansioso di vedere Venom al cinema. Infatti quando la critica di settore è schierata così apertamente da un lato è interessante farsi una propria opinione e poi eventualmente giudicare. Sicuramente i prossimi giorni faranno da crocevia, anche dal punto di vista del box-office per la pellicola che aprire l’Universo Marvel di Sony.

Leggi anche – Spider-Man: Un Nuovo Universo, il nuovo trailer italiano

Le prime previsioni suggerivano che Venom avrebbe aperto tra i 60 e i 70 milioni di dollari il primo fine settimana di ottobre in Nord America ma questi voti potrebbero abbattere significativamente questa soglia. Venom dovrebbe aprire il SUMC ma adesso sarà fondamentale vedere come Sony eventualmente deciderà di procedere con i futuri progetti tra cui il Morbius con Jared Leto che potrebbe essere il prossimo a partire.

Venom esce nelle sale italiane domani, 4 ottobre.

VIA