Il videogioco reboot di Tomb Raider del 2013 targato Crystal Dynamics con la giovane Lara Croft alla sua prima incredibile esperienza da cacciatrice di tesori sarà la base per la definizione del personaggio nell’atteso reboot cinematografico.

Leggi anche – Tomb Raider, il reboot si farà: trovato il regista!

Warner Bros. ed MGM per il riavvio sul grande schermo della celebre cacciatrice di tesori hanno deciso di seguire il plot dell’action-adventure tornato in auge tre anni fa per opera del team videoludico statunitense. La strada sembra dunque quella giusta e il direttore della pellicola, il norvegese Roar Uthaug ha così commentato:

La mia idea è quella di dar vita al personaggio di Lara Croft il più vicino possibile alla realtà: questo è ciò che vogliamo portare sul grande schermo. Penso che la gente debba vedere Lara come una persona [reale]. Il mio augurio è quello di portare tutta la mia sensibilità norvegese al franchise.

Il reboot cinematografico di Tomb Raider non ha ancora una data d’uscita ma secondo le ultime indiscrezioni gli Studios avrebbero trovato pure la sceneggiatrice nella persona di Geneva Robertson-Dworet. Sta finalmente cominciando a prendere piede l’era del vero cinema videoludico?

Lo scorso 13 Novembre è stato rilasciato in esclusiva temporale su Xbox 360 e Xbox One, Rise of The Romb Raider il secondo capitolo videoludico del reboot targato Crystal Dynamics. Square Enix distribuirà poi la versione per Microsoft ad inizio 2016 e quella per PlayStation 4 alla fine dello stesso anno. Trama [attenzione spoiler]: Lara Croft non interrompe nonostante il trauma psicologico subito sull’isola Yamatai e continua invece ad esplorare il mondo in cerca di risposte ai suoi infiniti dubbi, dove l’archeologa cerca di seguire le orme del padre.

VIA

LASCIA UN COMMENTO

Commenta
Inserisci il tuo nome