Ieri vi abbiamo riportato del posticipo di due film Marvel di parte 20th Century Fox.

“X-Men: Dark Phoenix” originariamente programmato per il rilascio a novembre è stato di fatto rinviato al 14 febbraio 2019, mentre “The New Mutants” è stato posticipato nuovamente, dal 22 febbraio 2019 addirittura al 2 agosto 2o19.

Un nuovo rapporto di Collider ha fornito una spiegazione per questi ritardi di cui ieri vi abbiamo parlato per “Dark Phoenix”…ma New Mutants? Ebbene per il film di Josh Boone i motivi sarebbero leggermente diversi.

Questo sarebbe stato il primo anno in cui Fox avrebbe distribuito tre film basati sugli X-Men a partire da “The New Mutants”. A quanto pare la pellicola sarebbe stata posticipata a causa del successo di “It” di Warner Bros. e di altri film horror, con gli executives Fox che volevano cercare di rendere il film più spaventoso nonostante fosse andato discretamente bene ai primi test screening.

Il rapporto di Collider afferma che il regista Josh Boone aveva consegnato un primo taglio del film di cui era soddisfatto, ma i dirigenti Fox volevano qualcosa di più e non pensavano fosse abbastanza spaventoso motivo per cui avrebbero richiesto consistenti reshoot, inclusa la possibilità di riprogrammare fino al 50% delle riprese che erano già state girate includendo nuovi personaggi oltre al cast principale che comprende già Magik, Mirage, Wolfsbane, Sunspot e Cannonball.

Ma non è finita perché il report fa sapere che Boone non l’avrebbe presa bene questa prima bocciatura e sarebbero nate significative divergenze creative con Fox rispetto alle loro richieste di cambiare metà film e aggiungere maggiori elementi horror; quindi non si sa se gli finirà come i due registi di “Solo: A Star Wars Story” Lord e Miller licenziati e sostituiti o come Snyder in “Justice League” nonostante in quel caso si parlasse di dimissioni di Snyder per stare vicino alla sua famiglia in seguito alla tragedia che lo ha coinvolto.

VIA