Suicide Squad di James Gunn potrebbe non essere un sequel secondo la precisazione di Borys Kit del The Hollywood Reporter

Proprio ieri abbiamo appreso che James Gunn (Guardiani della Galassia) è in trattative per scrivere e probabilmente dirigere il sequel di Suicide Squad.

Leggi anche – Morbius: riprese inizio 2019, Avi Arad dubbi sul Rating-R

Già ieri da tutti i reportage oltreoceano era stato specificato che si sarebbe trattato di “una visione completamente nuova alla proprietà” ma non tutti hanno capito bene cosa volesse dire. Ebbene la sorprendente spiegazione ci arriva per gentile concessione di Borys Kit, reporter del The Hollywood Reporter. Questi attraverso il suo account Twitter ha voluto condividere un’ulteriore informazione.

Quando si dice che SUICIDE SQUAD di Gunn avrà un approccio completamente nuovo vuol dire che NON sarà un sequel. L’unica cosa che non è chiara è se ci sarà un recasting totale o meno. 

Il sito dice che questo presunto non-sequel vedrà personaggi noti come Harley Quinn, Deadshot, Killer Croc, Captain Boomerang e Joker. Quindi secondo quanto aggiunge Comicbook,  “non sembra che lo studio abbia necessità di un recasting rifusione per la visione di Gunn su questo franchise del DCEU” anche se potrebbe creare confusione nel pubblico un riavvio con gli stessi personaggi.

Leggi anche – Regno Quantico? Il futuro del Marvel Cinematic Universe

La scorsa estate, Disney aveva deciso di separarsi da James Gunn e lo aveva licenziato da Guardiani della Galassia Vol. 3 dopo i tweet offensivi riesumati da figure di estrema destra. Dave Bautista è stato uno dei più grandi sostenitori di Gunn e adesso non vede l’ora di unirsi a Suicide Squad.

VIA