RECENSIONE SUICIDE SQUAD - VERSIONE ESTESA

Suicide Squad


Suicide Squad Recensione Versione Estesa nuovo Joker

Suicide Squad
Suicide Squad Recensione Versione Estesa nuovo Joker

Immergiamoci dunque in questo ritorno al passato, meglio dire forse la verità mai raccontata di ‘Suicide Squad‘. Ok, ok forse sa troppo di Adam Kadmon. Vero è che anche questa Versione Estesa ci porta un’idea divergente che si avvicina a quella che voleva probabilmente raccontarci il regista David Ayer. In questa sede non vi parlarerò del film che già tutti conosciamo con l’analisi ad esso allegata (Recensione versione cinematografica) ma vi spiego cosa semplicemente c’è di diverso nell’edizione Estesa rispetto quella cinematografica. In due parole per finire questo prologo? Joker e Harley Quinn.

Ebbene sì quello che vediamo del personaggio interpretato dal premio Oscar Jared Leto e quello di Margot Robbie nell’Extended Cut svela un rapporto malato, assolutamente mai banale, fine a se stesso e con risvolti determinanti che mettono entrambi i personaggi sotto un’ottica diversa.

Suicide Squad Harley Quinn

Nonostante sia stata definita il fulcro del film di David Ayer, la versione cinematografica di Harley Quinn ai più attenti è sembra un pò sciocca e come dire, con gli occhi a cuoricino, come se l’amore non fosse anche sofferenza e rabbia. Ebbene in questi minuti aggiuntivi possiamo vedere – grazie alla parte della rincorsa in moto e la discussione con Croc – che il personaggio interpretato dalla bellissima Margot Robbie nasconde una rabbia repressa straripante! Il vero problema della dottoressa Quinzel è la rabbia dell’abbandono, punto mai svelato nella versione cinematografica che rende il suo personaggio molto più sfaccettato e curato.

LA VERSIONE ESTESA DI SUICIDE SQUAD CI MOSTRA DUE NUOVE VISIONI DI JOKER E HARLEY QUINN

Dunque è evidente che il rapporto con Joker è di amore e odio (latente) dando duque un senso molto più alto alla lettura finale del suo libro Between the Sheets. Lo scritto di Molly O’Keefe, racconta la storia di un ragazzo cattivo che trascina una donna su un sentiero buio convincendola a rinunciare al suo lavoro di insegnante e abbracciare il suo stile di vita non proprio limpido. Insomma Harley prova rabbia nei confronti di Joker e lancia continuamente un grido disperato per liberarsi di lui, o meglio liberare il virus Joker dalla sua coscienza. Sicuramente tutto ciò è illuminante e rende merito al lavoro di David Ayer che dimostra di essere un regista molto profondo come dimostrato in ‘Fury’ dove la follia e il dolore della battaglia aveva radici molto, molto solide.

Suicide Squad Joker

Stesso discorso per Joker, questi non è infatti un ragazzino malato di un amore adolescente fine a se stesso e anzi non è proprio interessato al tema dell’amore – almeno inizialmente. Scopriamo infatti in questi minuti aggiuntivi la figura classica di Joker, ovvero quella del manipolatore che tutti conosciamo. Ha tratto in inganno la dottoressa Quinzel per la fuga, si è vendicato su di lei per la reclusione ad Arkham scaricandole una bella dose di elettroshock e infine, cosa più importante nella scena della moto vediamo momenti di lucida follia, segnatevi il termine lucida, perchè è lui che accusa lei di essere folle.

Questo fattore apre scenari assolutamente incredibili sulla sua figura di criminale, ma ancora di più di persona e uomo che ha scelto volontariamente quella strada malavitosa coadiuvata dalla follia di un passato che ritorna spesso a volentieri – infondo lo sapete tutti il passato ritorna sempre. Questo Joker è esattamente quello che doveva essere all’inizio, furbissimo, fin troppo intelligente, folle al punto giusto e principe della criminalità in quel di Gotham: sono proprio questi i motivi che affascinano Batman?

Sembra proprio che David Ayer volesse comunicarci questo ed è un peccato non sia arrivato a tutti questo messaggio..

Suicide Squad

Sostanzialmente il resto della squadra è praticamente identico, forse la maschera di Katana in meno cerca un attimo di far uscire il personaggio dall’anonimato anche se non cambia il navigare nella mediocrità, ma come ho detto nella precedente recensione, sarebbe stato da premio Oscar caratterizzare tutti alla perfezione e per un film di “origini” come Suicide Squad non poteva certo essere questo il caso.

Conclusione

Dunque della versione Estesa di Suicide Squad sono due i fattori o meglio i personaggi che vengono definitivamente visti sotto diversa ottica e riguardano Joker e Harley Quinn: la prima piena di rabbia, il secondo un furbo manipolatore che rende giustizia al modo di lavorare di Ayer che abbiamo già saggiato in Fury. Proprio questo Joker affascina Batman? Per carità i difettucci permangono ma sicuramente grazie ai due la valutazione finale non può che fare un balzo avanti.

4/5 (3)

Vota anche tu!

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

4/5 (3)
PRO
- Visione diversa di Harley Quinn che nasconde rabbia repressa e frustrazione nei confronti del virus Joker
- Anche il clown principe del crimine diventa il classico manipolatore, furbo, arguto e folle al punto giusto
CONTRO
- Speravamo in qualcosa di più per le figure di Katana e Killer Croc ma per loro i cambiamenti sono assenti.
- Restano i difetti originali della sala di montaggio
8.7

VOTO REDAZIONE

VOTO UTENTI


Vota anche tu!

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">
  • DISTRIBUTORE: Warner Bros. Italia

  • REGIA: Gavin O’Connor

  • CAST: Will Smith, Margot Robbie, Jai Courtney, Adewale Akinnuoye.Abegaje, Karen Fukuhara, Viola Davis, Joel Kinnaman

Aggiungi un commento

Altro su Suicide Squad

James Gunn Suicide Squad DC

DC conferma ufficialmente James Gunn per Suicide Squad 2 [VIDEO]

Livio Rezoagli12 ottobre 2018

Anche Michael Rosenbaum vuole essere nella Suicide Squad di James Gunn

Livio Rezoagli11 ottobre 2018
James Gunn Suicide Squad DC

Suicide Squad: Warner Bros. conferma James Gunn alla sceneggiatura

Livio Rezoagli10 ottobre 2018
James Gunn Suicide Squad

Suicide Squad di James Gunn potrebbe non essere un sequel [RUMOR]

Livio Rezoagli10 ottobre 2018
Dave Bautista James Gunn Suicide Squad 600x360

Dave Bautista vuole unirsi a James Gunn in Suicide Squad 2

Livio Rezoagli10 ottobre 2018
James Gunn Suicide Squad DC

James Gunn in trattative per scrivere e probabilmente dirigere Suicide Squad 2

Livio Rezoagli9 ottobre 2018

Vuoi contribuire a mantenere e migliorare i nostri servizi per un informazione sempre attenta e puntuale con poca pubblicità? Clicca su sostienici ora e lascia il tuo contributo libero.

Sostienici ora

Leggi questo articolo grazie al contributo di: