Odino voleva le Gemme dell’Infinito ma qualcosa lo ha bloccato

Odino e la sua storia nell’Universo Cinematografico Marvel prima di Avengers: Infinity War potrebbe avere molto di più da raccontare. Unendo tutti i pezzi tra Thor: Ragnarok, la Guerra dell’Infinito e i film passati tutto sembra molto più chiaro.

Leggi anche – Avengers 4: nuovi dettagli sulla trama dei viaggi nel tempo e le dimensioni

Odino voleva conquistare i Nove Regni così da poter collezionare tutte e sei le Gemme dell’Infinito, avendole conosciute da suo padre Bor, che recuperò la Gemma della Realtà dagli Elfi Oscuri. Una volta divenuto Re di Asgard, iniziò la sua ricerca per conquistare i Nove Regni con Hela al suo fianco scoprendo la Gemma dello Spazio che gli garantiva la possibilità di trasportare la sua armata tra i regni.

Durante questo periodo, Odino si recò a Nidavellir e commissionò la creazione di un dispositivo che gli avrebbe permesso di sfruttare il potere delle Gemme. Fu creata una versione di prova del Guanto dell’Infinito che è quella che Hela butta a terra nel bunker reale in Ragnarok.

Leggi anche – Hulk verrà sempre battuto da Thanos anche senza Gemme dell’Infinito

Tuttavia, quando Odino scopre l’ubicazione della Gemma dell’Anima e scopre di dover sacrificare Hela al fine di ottenerla, il re di Asgard abbandona la sua missione trasformandosi in un re benevolo. Sfortunatamente, Hela non capisce la decisione del padre e gli si rivolta contro portando alla sua incarcerazione millenaria. Odino quindi ha tenuto il prototipo del Guanto come ricordo delle sue azioni, nascose la Pietra dello Spazio su Midgard (la Terra) e promise di essere il Protettore dei Nove Regni.

Ecco perché Odino da conquistatore diventa un re benevolo, ecco perché il falso Guanto dell’Infinito viene riconosciuto da Hela e buttato a terra in segno di disprezzo, ed ecco perché Hela conosce il Tesseract.

Leggi anche – Chris Hemsworth: “Mark Ruffalo spoilera quasi tutti i film ma è adorabile”

VIA

LASCIA UN COMMENTO

Commenta
Inserisci il tuo nome