Da Cesar Romero a Jack Nicholson, da Heath Ledger a Jared Leto, tantissimi attori hanno dato il loro estro per il celebre villain DC Joker.

Una delle interpretazioni più iconiche però è proprio quella di Mark Hamill che grazie alla sua voce ha reso “Batman: La Serie Animata” degli anni ’90 un appuntamento assolutamente indimenticabile con il sue folle cattivo. Non dovendo portare fisicamente il personaggio in vita, Hamill ha messo tutto se stesso nel creare la folle voce di Joker svelando di essersi ispirato all’attore horror classico Claude Rains e dal comico Jay Leno che lo aiutava a imitare l’anima del personaggio caotico.

Volevo prendere ispirazione dai vecchi film horror della Universal e mi rendo conto, in retrospettiva, che non lo stavo facendo coscientemente, per esempio Claude Rains nei panni de “L’Uomo Invisibile” … [imitare Rains] ‘Pazzo? Pensi che io sia pazzo? Ti mostrerò chi è pazzo!’“ha detto Hamill a Sway’s Universe. “Aveva una sorta di grinta che ho messo in quella voce […] in un secondo momento mi sono detto ‘E se Howard Cosell incontrasse Jay Leno, sarebbe un imbroglione?’ E mi hanno detto, ‘No, lo facciamo sempre.’

La gente non si rende nemmeno conto che hai preso delle ispirazioni…Per esempio io non replico in tutto e per tutto Jay Leno, ma lo imito solamente, sai quella sua cadenza, indubbiamente ho molte influenze.

Direi che con Joker è diverso ogni volta che lo doppi, provi come la prima volta ma..”, ha ammesso Hamill aggiungendo: “Per esempio in una battuta doveva sembrare davvero minaccioso e in un’altra era invece una parodia di Thelma e Louise, dove Harley e Ivy si alleavano e lasciavano Joker a trascinarsi per l’appartamento in pantofole […], quindi è diverso ogni volta, è così che la vedo, ma, amico, mi sono divertito davvero tanto a farlo.

La serie completa Batman: La Serie Animata è destinata ad arrivare in una riedizione in Blu-ray quest’anno sperando arrivi anche in Italia.

VIA