I giochi LEGO hanno attraversato una pletora di materiale cinematografico e adesso è il turno di LEGO Gli Incredibili. Il gioco nella sua essenza a mattoncini riesce sempre a farsi piacere, il vero problema è la dimensione limitata dello stesso franchise. Il titolo ci conduce in un viaggio attraverso i due film degli Incredibili. Stranamente saremo chiamati a giocare gli eventi dell’ultima pellicola prima di poter tornare alla storia originale del 2004, distorcendo la narrativa classica.

Leggi anche – Deadpool 2 – Recensione

Ma con soli due film al soldo la modalità storia altro non è che una semplice rivisitazione delle stesse vicende con alcune modifiche. Queste risultano un po’ scomode dato che servono solo per facilitare la presenza di almeno due personaggi giocabili. Infatti sarà possibile giocare l’intera storia – oltre a esplorare il suo modesto open world – sia in solitaria che in questa inedita modalità cooperativa offline. Ad esempio ricordate quando Mr. Incredible viaggia nell’isola di Sindrome da solo nel primo film? Bene, nel gioco non sarà più solo. Infatti è accompagnato da un personaggio che ci aveva lasciato le penne da tempo nel film.

lego gli incredibili

Tra una missione e l’altra, il mondo aperto ci viene in soccorso. Abbiamo la possibilità di esplorare il quartiere della famiglia Parr, combattere il crimine di strada e girovagare con i personaggi bonus sbloccati. Sicuramente questo è uno dei punti forti dei giochi Lego. Il tutto coadiuvato all’utilizzo dei vari poteri dei personaggi, distruggere gli ambienti circostanti per ricostruirli e risolvere enigmi. Condito dal bisogno quasi spasmodico di raccogliere i piccoli bulloni per strada e sbloccare così gli extra. Ci saranno ad attenderci anche i collezionabili e i segreti con numerosi personaggi da sbloccare, corse da ingaggiare a velocità e aree nascoste da scoprire.

LEGO Gli Incredibili mette in campo elementi nuovi ma i limiti si palesano in maniera evidente

Nonostante l’Open World ci tenga impegnati per i tanti collezionabili nascosti, la parte più intrigante e innovativa si rivela senza dubbio la modalità ‘Crimini a ondate‘. Ognuno dei distretti unici del mondo di gioco sono stati conquistati dai malvagi Sindrome e Il Minatore. Ci saranno diverse sfide da  superare con alcune boss fight non particolarmente complesse. Tali eventi temporanei risultano delle ottime side-quest che rendono maggiormente variegato il titolo. Nonostante i punti chiave del gameplay Lego restino in gran parte immutati.

Lego Gli Incredibili

Il vero problema con Lego Gli Incredibili è solo uno, delle pareti estremamente ristrette. I più recenti giochi Lego hanno avuto dalla loro un mondo ricco grazie all’enorme universo Marvel, Star Wars e Jurassic Park. Oppure ancora prima con i titoli DC, o Il Signore degli Anelli ed Harry Potter. C’è anche l’ormai abbandonato Lego Dimension, che mescolava di tutto, da Doctor Who a Sonic. Invece Lego Gli Incredibili sembra mancare di riferimenti iconici e di fan service a causa di una colonia di personaggi..assenti.

Leggi anche – Avengers: Infinity War – Recensione

È vero, ci sono ancora circa 100 personaggi da sbloccare, ma raramente ne rimani colpito. Molti provengono da altri film della Pixar, tra cui Toy Story e Alla ricerca di Nemo, e molti altri sono lo stesso personaggio ma con diversi costumi. Apprezzabile la possibilità di poter creare un personaggio da zero. Tutto ciò rende la modalità di lotta al crimine nell’open World ancor più interessante, ma è chiaro che TT abbia dovuto allungare fin troppo il brodo per ottenere una miscela saporita.

RASSEGNA PANORAMICA
LEGO Gli Incredibili
6.7
Articolo precedente“Batman Forever!” nello spot di Teen Titans GO! Il Film
Articolo successivoTitans: Seamus Dever interpreta il demone Trigon