Lego DC Super-Villains mischia la personalizzazione, il gioco di squadra, il puzzle game e una storia intrigante per uno dei migliori esponenti del genere

In un mondo dove gli eroi sembrano sono ormai troppo creduloni e sottovalutati c’è bisogno di figure smaliziate per fermare i veri cattivi di turno e salvare il mondo come in LEGO DC Super-Villains. Tanti, tantissimi supervillain in una storia intrigante per un mix davvero inaspettato.

Leggi anche – Disney annuncia l’ingresso del Management di 20th Century Fox

In LEGO DC Super-Villains la Justice League è scomparsa per mano di un misterioso gruppo di criminali che si presenta come Sindacato della Giustizia pronto a tendergli una trappola. Questo gruppo si ritrova per aiutare Darkseid nei suoi piani malvagi. Il titolo è tutto basato sul lavoro di una squadra, come in Suicide Squad, di cattivi spesso in disaccordo tra loro, ma questa volta la trama appare più organica e naturale.

LEGO DC Super-Villains

In LEGO DC Super-Villains la personalizzazione e la creazione del personaggio la fanno da padrona, almeno all’inizio. È possibile dare sfogo alla propria creatività per dar vita al design – copricapo, capelli, braccia busto e gambe tra costumi e le più disparate varianti cromatiche – o ai poteri/armi che influenzeranno il gameplay del nostro personaggio.

Poi saremo chiamati durante la storia a vestire i panni di tanti altri cattivi. Infatti il titolo presenta un cast enorme di 160 personaggi che vanno da Joker a Lex Luthor, da Cheeath a Solomon Grundy, oppure Metallo e Clayface (ognuno ovviamente con armi e poteri diversi). Inoltre alcuni personaggi, tra cui Joker ed Enigmista, hanno la capacità di reclutare scagnozzi ed eseguire i loro ordini per risolvere gli enigmi più articolati.

Leggi anche – Guardiani della Galassia Vol.3: riprese posticipate al 2021

Tra uno scenario e l’altro di LEGO DC Super-Villains torna come sempre lo scambio di personaggi per effettuare delle azioni singole che si inseriscono in un gameplay ormai noto ma sempre soddisfacente. Tra i semplici puzzle game, alla distruzione con i bulloni e la costruzione di qualche marchingegno per proseguire nella storia. Unico neo la mancata diversificazione negli attacchi base tra cui il corpo a corpo che risultano praticamente i medesimi.

La varietà delle ambientazioni sembra più ricercata di Marvel Super Heroes 2, probabilmente perché Gotham ha sempre quel fascino gotico anche negli interni al contrario di Metropolis. La foto di seguito ci riporta ad esempio nelle atmosfere del celebre locale di Oswald Cobblepot alias Pinguino.

[banner-sn]

LEGO DC Super-Villains

LEGO DC Super-Villains mantiene la struttura semi open-world con missioni che portano a livelli segmentati e destinazioni interne. Si può esplorare sia Gotham che Metropolis e altri luoghi iconici dell’universo DC. È possibile anche qui guidare con un sistema piuttosto basilare e un po’ troppo spigoloso.

Leggi anche – Justice League: ecco il concept art che svela Darkseid

Di collezionabili ce ne sono a bizzeffe però la voglia di continuare e saperne di più sulla storia scritta discretamente bene tiene le side quest a debita distanza. I trofei sono in totale 46 ripartiti in, 32 di Bronzo, 10 d’argento, 3 d’oro e infine l’ambito platino.

RASSEGNA PANORAMICA
LEGO DC Super-Villains
7.9
Articolo precedenteAvengers 4: possibili nuove evidenze dell’armatura di Pepper Potts?
Articolo successivoWB Montreal a lavoro su due giochi Open World DC [RUMOR]