L’oggetto del desiderio è ormai lo smartphone. Nella battaglia tra le aziende occidentali e orientali che si contendono la creazione del migliore, la Russia sembra essere finalmente pronta per lanciare un device tutto suo.
Stiamo parlando dell’operatore telefonico Yota che ha da poco iniziato l’ingegnerizzazione del proprio smartphone basato su Android 4.2 Jelly Bean che stupisce per una caratteristica in particolare: un secondo display E-ink, posto sul retro. Finalmente leggere un e-book non sarà più un lontano miraggio by-passando così il problema del fastidioso schermo LCD, impossibile da utilizzare per una lettura prolungata. 


Dalla foto che vediamo sopra ci accorgiamo non solo del dual screen ma anche di un design degno di nota che fa da cornice per un interno veramente da paura. Le caratteristiche software fanno davvero invidia a tante altre case produttrici sempre un passo indietro nonostante siano su questo mercato già da molto tempo. Sotto trovate l’elenco completo di cui vi anticipiamo la possibilità della ricarica wieless

OS: Android, 4.2 Jelly Bean

CPU: Qualcomm Snapdragon MSM 8960 Dual Core 1.5 Ghz Krait
Dimensioni: 67 x 131 (7.3 / 9.9) mm
Peso: 140 grammi
Display: EPD Eink, 4.3″, LCD JDI, 4.3″ con risoluzione di 1280×720 (HD)
Connettività: LTE (bands 3, 7, 20 MIMO), 2G, 3G, 4G, Wifi (Direct), BT, NFC
Archiviazione: 32 o 64 GB per la memorizzazione interna dei dati.. (continua sotto)

!function(d, s, id) { var js, pjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = (‘https:’ == document.location.protocol ? “http://player-services.goviral-content.com”.replace(/^http:/, ‘https:’) : “http://player-services.goviral-content.com”) + “/embed-code/index/find?placementVersionId=3785982813552511641460366”; pjs.parentNode.insertBefore(js, pjs); }(document, ‘script’, ‘gv_script_3785982813552511641460366’);
RAM: 2 GB
Batteria: 2100 mAh
Camera: 12 MP fotocamera posteriore, HD quella frontale
Connettori: Ricarica e cavo dati wireless, connettore audio 3.5mm

Fonte: Wall Street Journal