Instagram ha da poco risposto al grido del pubblico terrorizzato dalle eventuali modifiche alle condizioni del servizio. Infatti il co-fondatore Kevin Systrom ha fatto sapere che la società “rimane vicina all’utenza” dato che “non è nostra intenzione vendere le foto” e per risolvere il problema verranno probabilmente riviste le condizioni generali del contratto.
Per questo Systrom scrive che “modificheremo parti specifiche del contratto per renderlo più chiaro e trasparente su cosa accadrà alle foto” e che comunque non c’era fin dall’inizio l’intenzione di venderle

Di fatti il grido del pubblico si era sollevato solo per il fatto che Instagram aggiornato i termini di servizio e l’informativa sulla privacy, provocando appunto una scia di feedback negativi da parte degli utenti che pensavano che le loro foto potessero essere vendute ad altre società, o che i loro amici, parenti, o gli utenti stessi sarebbero stati presenti nella pubblicità delle aziende, ma probabilmente il senso non era questo. 

Perchè le condizioni non consentono legalmente che Instagram possa vendere le foto a nessuno, anche se l’azienda ha diritti limitati per visualizzare le foto degli utenti ma su questo sembra non esserci nulla di nuovo. Quindi tutto come prima? Staremo a vedere!!

Fonte: The Verge