Per Henry Cavill è ridicola la trovata promozionale del marketing di Justice League che ha nascosto il suo Superman

Henry Cavill, che è tornato ad interpretare Superman pure in Justice League, ha parlato apertamente dell’assenza del suo personaggio dalla campagna marketing del film di Zack Snyder.

Leggi anche – Henry Cavill sulle critiche a Justice League e i baffi

Sebbene tutti sapessero che Superman sarebbe tornato nella pellicola, Warner Bros. attraverso il responsabile Sue Kroll, ha tentato di creare un mistero sul ritorno o meno del suo personaggio. Questa strategia si è presto dimostrata sbagliata confondendo il pubblico e potrebbe aver persino contribuito agli incassi disastrosi – il film è stato superato in 7 giorni da Avengers: Infinity War. Cavill ha spiegato che nemmeno lui è riuscito a capire bene la decisione presa dal reparto marketing dello studio, definendola ridicola:

Bene, l’intero concept su cui era sviluppata l’idea era debolmente ridicola e credo onestamente che tutti la considerassero tale. Poi se sono in tour stampa per il film si capisce che ci sono. Ovviamente, lo sapevi, e quello era un piccolo tip tap da  ballare insieme. Ma per il pubblico si voleva lasciare un po’ di mistero. Penso sia importante avere un po’ di mistero nei film di questi tempi.

Non è poi così comune per gli attori criticare pubblicamente le decisioni di uno studio, specialmente se non hanno firmato un contratto multi-film. Tuttavia, la chiarezza di Henry Cavill potrebbe essere attribuita al risultato del recente cambio di leadership in Warner Bros. Infatti lo scorso gennaio, lo studio ha annunciato che Sue Kroll, responsabile della distribuzione e responsabile della campagna di marketing di Justice League, avrebbe lasciato la sua posizione, diventando semplice produttore.

Questa mossa è stata una chiara reazione al box-office povero consentendo ad Henry Cavill di esprimere liberamente il suo pensiero critico.

VIA

LASCIA UN COMMENTO

Commenta
Inserisci il tuo nome