Comcast si è ufficialmente ritirata dalla corsa per accaparrarsi i principali asset di 21st Century Fox, Disney conclude l’acquisizione

Comcast ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che conferma la fine della sua corsa contro Disney per acquisire i principali asset di 21st Century Fox.

Leggi anche – Avengers: Infinity War ci riesce davvero superando i 2 miliardi al box-office mondiale

Comcast non intende proseguire ulteriormente l’acquisizione delle attività della Twenty-First Century Fox e, invece,  si concentrerà sull’offerta già presentata per Sky.

Brian L. Roberts, Presidente e CEO di Comcast Corporation, ha dichiarato quanto segue:

Vorrei congratularmi con Bob Iger, il team Disney e la famiglia Murdoch per aver creato una società tanto desiderabile e rispettata.

Dopo che 21st Century Fox ha accettato l’offerta di 52,4 miliardi di dollari da Walt Disney, Comcast ha migliorato l’offerta con la propria di 65 miliardi di dollari per gli stessi asset, tra cui divisione televisiva e cinematografica. In tutta risposta Disney ha chiuso i giochi con 71,3 miliardi di dollari suddivisi equamente tra denaro e azioni.

Leggi anche – Joker: questo il titolo e uscita per l’autunno 2019

Si pensava che Comcast avrebbe alzato l’asticella fino agli 80 miliardi visto l’approvazione della fusione AT&T – Time Warner. Quando però il Dipartimento di Giustizia è andato in appello per evitarlo, allora Comcast ha deciso di lasciare perdere e come detto “si concentrerà sull’offerta già presentata per Sky”.

Gli appassionati di fumetti sanno bene che l’accordo permette alla Disney di avere finalmente i diritti sui film per i personaggi di X-Men e dei Fantastici Quattro, con l’opzione di assorbirli nell’Universo Cinematografico Marvel. Questo scenario che una volta sembrava improbabile ora sta finalmente diventando una realtà.

Leggi anche – L’azionista Fox cita l’azienda per fermare l’acquisizione 

Sembra ormai che la trattativa per Disney sia davvero alle battute finali e non dovrebbero tardare comunicati ufficiali da Walt Disney Company.

VIA