Sembra che il Batman della timeline di Flashpoint, ovvero la versione consumata di Thomas Wayne, sia arrivato nell’universo DC

Nelle ultime pagine di Batman #50, Catwoman si rende conto che Il Cavaliere Oscuro per restare tale non può avere una moglie e si tira fuori dalle nozze. Dopo averlo fatto, sembra che tutto il romanticismo, l’impegno e l’addio fosse parte di un più grande progetto di Bane per “spezzare” nuovamente l’Uomo Pipistrello.

Leggi anche – Justice League #1 conferma che l’Universo DC sta morendo

Ebbene sembra che tra i suoi alleati ci sia anche il Batman di Flashpoint. Tralasciando l’evento di Geoff Johns che tutti ricorderete è interessante affrontare The Button. Flash e Bruce hanno recentemente unito le forze per investigare su un misterioso smile giallo insanguinato. L’oggetto è apparso in una Batcaverna di un altro tempo e luogo. Nel corso della loro indagine, Wayne e Barry Allen sono finiti faccia a faccia con il Cavaliere Oscuro di Flashpoint, che si è sacrificato lasciando a Bruce queste ultime parole.

Non essere più Batman. Trova la felicità, ti prego…Batman deve morire con me

Leggi anche – Matt Reeves ha scritto il primo atto con un Cavaliere Oscuro giovane e inizia le assunzioni per la produzione

Bruce effettivamente la trova con Selina che si scopre adesso essere manipolata dal celebre villain e che a quanto pare ha proprio Thomas Wayne come alleato. Perché? A questo punto non è ancora chiaro. Ha cambiato idea? È una talpa nell’operazione di Bane? Lavora con Catwoman? O quelle ultime parole facevano parte dell’intero piano di Bane?

È possibile che la figura  non sia Thomas Wayne di Flashpoint ma qualcun altro?  Ad ogni modo, è chiaro che il momento di The Button, descritto sopra comincia ad aver uno spaventoso senso in Batman #50.

Leggi e vedi anche – DC Universe: svelati i primi dettagli, ecco il trailer di lancio