Tornano i film animati di Warner Bros. e il nuovo capitolo in questione è “Batman e Harley Quinn”, un nuova storia che ci catapulta incontro a una nuova minaccia che incombe non solo per la città del Cavaliere Oscuro ma in generale per tutto il mondo. Infatti il furto di un dossier segreto dagli S.T.A.R. Labs condotto dal terrificante duo Poison Ivy/Floronic Man (Jason Woodrue) porta Bruce e la spalla di questo film, Nightwing, in cerca di Harley Quinn per redimere l’amica dal suo piano malvagio.

Partiamo subito col dire che il tono è abbastanza leggero e gradevole, non ha mai picchi in un senso o nell’altro e scivola via piacevolmente nei 70 minuti di visione; cosa che non funziona granché invece é la sceneggiatura che in un punto è fin troppo pretestuosa e riguarda la ricerca del terzo personaggio; inoltre è un po’ troppo non dico eccessiva perché secondo me non lo è, anzi un po’ di pepe non fa mai male, ma lunga sì la parte della liason tra Nightwing e Harley di cui le testate oltreoceano stanno discutendo animatamente in questi giorni. Quindi sì per me ci può stare ma non con tutto quel risalto che gli si è dato.

Batman e Harley Quinn

Molto interessanti i personaggi, a quanto pare scopriamo un briciolo di più del passato da ragazzo di Batman, scopriamo cosa è successo ad Harley dopo il suo passato e il suo folle amore con Joker, insomma nonostante ci sia un filone narrativo generale gli autori non hanno disdegnato qualche strizzatina d’occhio per fare un introduzione ad ognuno – tralasciando Nightwing ed utilizzandolo più che altro come strumento per il fattore Harley (che in tema easter egg ci mostra una sfilza di costumi dal suo armadio).

Inoltre l’azione che li coinvolge non stanca ed è molto divertente, certo è pur sempre un film animato e non ci si può aspettare un combattimento devastante come quello della Warehouse in “Batman v Superman: Dawn of Justice” ma va bene ugualmente.

Batman e Harley Quinn

I villain, mi riferisco principalmente a Floronic Man (Jason Woodrue) non ha quel mordente che mi sarei aspettato, mentre Poison Ivy dovrebbe un attimo rivedere i suoi obiettivi. Certo Ivy non mi ha mai fatto impazzire ma messa in un contesto come quello ad esempio degli Arkham videoludici non solo è parecchio funzionale ma anche molto coerente coi suoi propositi. Qui lascia parecchio a desiderare e il minutaggio per il twist finale di certo non aiuta a riabbracciare il personaggio.

Per quanto riguarda il doppiaggio invece mi aspettavo qualcosina di meglio, per esempio la voce di Harley mi sembra un po’ troppo mascolina, mentre quella di Woodrue non è abbastanza imponente. Nulla da dire invece sul solito e magistrale Marco Balzarotti nei panni di Batman che pero’ in alcuni momenti di ilarità non rende proprio al massimo a differenza della trilogia Rocksteady; Infine il doppiatore di Nightwing lo trovo un po’ troppo anonimo. Nel complesso però non è poi così male e anzi finalmente in un film animato WB arrivato in Italia ad accoglierci troviamo anche il doppiaggio, direi proprio che questa volta non possiamo lamentarci.

Conclusione

In conclusione Batman e Harley Quinn è un film animato molto carino con qualche piccola cosa da rivedere in seno di sceneggiatura ma tutto il resto e alcuni punti della stessa sono molto positivi. Bene il tono, la liason (peccato vada un po’ fuori tempo) e la caratterizzazione di alcuni personaggi con l’esplicazione del loro background, soprattutto sul passato di Harley Quinn e la strizzatina d’occhio agli easter egg. E infine signori finalmente il doppiaggio, non al top ma è già qualcosa..e poi c’è Marco Balzarotti!