Nuova valanga di rivelazioni su Avengers: Infinity War dall’Home Video e le ultime interviste di questi giorni

Il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha rivelato i suoi piani per il ricambio generazionale degli eroi nell’MCU dopo Avengers: Infinity War e 4.

Stessa cosa è accaduta nei fumetti ed è per questo che i personaggi sono ancora così rilevanti. Parliamo di 10 anni di film, ma sono oltre 50 anni che leggiamo questi personaggi nei fumetti dove sono altrettanto rilevanti e popolari. E questo perché vengono cambiati col passare del tempo. Non ho alcun dubbio che tutti i nostri attori, al massimo della forma fisica, abbiano altri 50 anni davanti per essere eroi. Per quanto riguarda le specifiche di come si evolveranno i personaggi, per fortuna non devo ancora pensarci davvero. Perché stiamo ancora finendo ciò che abbiamo iniziato con Avengers: Infinity War. 

Leggi anche – Daredevil: la terza stagione esce nel 2018

Inoltre il presidente Kevin Feige si è detto entusiasta delle scene post-credit per un motivo fondamentale che riguarda il lavoro dei tanti dietro le quinte:

Adoro l’idea che tutti quelli che giocano in questo universo dei Marvel Studios siano entusiasti di farne parte come me. Questo è un altro motivo per cui adoro le scene post-credit. Costringe le persone a guardare e riconoscere tutto lo staff responsabile esperienza appena avuta.

Tornando adesso al Blu-Ray ci arrivano ulteriori rivelazioni dai registi, partendo dalle modifiche alla nave di Thor. In Avengers: Infinity War gli interni sono più desolanti rispetto al colorato film di Waititi:

Penso che questo sia un buon esempio di come le cose cambiano a seconda del tono della storia. La nave in Ragnarok era molto colorata, aveva la vivacità e il capriccio di quel film, che funzionava bene lì. Ma [in Infinity War] stiamo raccontando una storia molto diversa, quindi l’abbiamo ridisegnata con una trama e un tono diversi per sostenere questa storia. 

“[La] morale della storia è che i Russo gli hanno ridecorato casa”, ha scherzato il co-sceneggiatore Christopher Markus.

“L’abbiamo bruciata.” ha concluso Russo.

Leggi anche – Matt Reeves finalmente su The Batman, Ben Affleck, sceneggiatura e riprese

In quelle stesse scene c’è uno scontro Thanos / Hulk e i Russo hanno confermato che il villain non usa neanche la Gemma presa su Xandar per abbatterlo:

Qui si vede il primo stadio di quanto sia tremendo e temibile Thanos, ha una gemma e non credo nemmeno la usi“, ha detto McFeely.

Russo ha confermato che Thanos non la sta usando, il che dimostra quanto forte e letale sia il Titano Pazzo.

Non lo sta usando. Questo per dimostrare che Thanos, il Gengis Khan dell’Universo Marvel, è imbattibile nell’uno contro uno. Ha conquistato migliaia di mondi, è un combattente molto più lucido di Hulk, Thor e Loki.

Ma perché Thanos ci mette così tanto tempo? Perché prima doveva sapere le location esatte di tutte le Gemme per evitarsi l’universo contro. Quindi ha organizzato raid cogliendo tutti di sorpresa.

Il motivo per cui [Thanos] non è andato a cercare le Gemme prima, era perché doveva ancora scoprire dove si trovasse l’ultima Gemma, quella dell’anima, [per il suo raid] altrimenti avrebbe avuto tutte le forze dell’universo contro di lui. Ecco qual è il punto. 

[Thanos] ha capito dove si trovava la Gemma dell’Anima perché ha catturato Nebula sulla sua nave e le ha analizzato il cervello scoprendo che Gamora sapeva dov’era la Gemma dell’Anima.

Vedi anche – Avengers: Infinity War – rilasciata ufficialmente la scena post credit

Ma la sua voglia di spazzar via metà della vita nell’universo ad alcuni è sembrato un buco di trama:

La gente ci ha chiesto perché Thanos non ha usato le Gemme semplicemente per raddoppiare le risorse nell’universo [anziché ucciderà metà della sua popolazione] ma chiaramente non è interessato. 

Steve McFeely, co-sceneggiatore ha aggiunto:

No, si tratta di libero arbitrio. Così non si risolverebbe il problemi. Dovremo guardare a milioni di anni a partire da ora. Questa è un’opportunità per le persone di stare bene. Si fida di loro, sai?

Il regista ha concluso sul suo proposito:

Beh, gli era stato detto ‘no’ all’idea [dai suoi avi] nonostante la vedesse come unica soluzione e poi i fatti gli hanno dato ragione. Quindi il suo complesso messianico riguarda il suo bisogno spasmodico di seguire quell’idea di molti anni prima. Non è una persona stabile anche se a volte lo sembra, ma non lo è assolutamente. 

Leggi anche – Avengers: Infinity War – tutte le rivelazioni dall’Home Video [SPOILER]

Nel maggior momento di difficoltà Tony Stark ha provato a contattare il Capitano Rogers e a quanto pare sarebbe avvenuto quasi un incontro. Joe Russo ha dichiarato:

Ora, ciò che è interessante di questi personaggi è che sono tutti degli eroi. E questo, indipendentemente dagli eventi di Civil War e dal fatto che hanno causato danni fisici a Rhodey. Quando gli alieni si presentano con l’intento di distruggere la Terra, non esita, come eroe, a chiamarne altri che possano aiutalo a difendere il pianeta. E penso che sarà una situazione molto diversa se Tony e Steve dovessero vedersi l’un l’altro per la prima volta, sarebbe molto più complicato. 

Ciò ha portato il co-sceneggiatore Stephen McFeely a citare brevemente la riunione tra Cap e Iron Man e perché non ha mai superato le prime bozze:

 “Ecco perché non l’abbiamo fatto. Abbiamo provato in alcune bozze ma complicava le cose [il loro incontro]“.

Leggi anche – Avengers: Infinity War, ecco le papere dal set

Stephen McFeely ha spiegato che Tony capisce che Captain America può trovare Vision perché è a conoscenza degli incontri con Wanda:

Per noi è bastato sottolineare tra le righe che ‘Steve potrebbe essere in grado di aiutare’, perché Tony sa che Wanda è fuggita con Steve. E sa che Visione ha lasciato e forse ha una relazione con lui. E a lui quella situazione è andata bene e probabilmente ha deciso di non richiamare Visione. Quindi, sì, Tony sa molto anche di questo anche se non lo diciamo chiaramente al pubblico.

Tony a quanto pare è sempre un passo avanti a tutti ha detto Russo:

Tony è troppo intelligente e ha un ego troppo grande per essere fantoccio del governo. Ha preso gli eventi di Civil War a suo vantaggio per mantenere vivi i Vendicatori in un modo che gli sembra meno compromettente, e per lui non è un male. Quindi, penso che non abbia cercato di portare alla giustizia Steve Rogers, Natasha, Sam e Wanda perché ha fatto finta di niente.

Leggi anche – Avengers 4: anticipata l’uscita del Kolossal Marvel

Originariamente, Capitan America doveva comparire molto più tardi in Avengers: Infinity War, ma i Marvel Studios gliel’hanno impedito.

Tutti alla Marvel, tranne me e Joe, odiavano l’idea di mostrare Captain America in un punto molto più avanzato del film…Pensavamo fosse il momento giusto più tardi, ma dopo un po’ gli abbiamo dato ragione, avevamo bisogno di più Cap. 

Inoltre i Russo hanno dichiarato che in questo film c’era un legame parecchio profondo tra Cap e Thor:

Una cosa a cui penso abbiamo risposto era dove Thor avesse concluso alla fine di Ragnarok con la distruzione di Asgard. Penso ci sia una connessione interessante con Captain America che era anche un personaggio ad aver perso tutto. C’è qualcosa di affascinante nell’esplorare queste persone mentre scoprono ciò che è rimasto. 

Leggi anche – Avengers 4 con X-Men e F4? Quali proprietà vanno a Disney? Clip e novità su Avengers: Infinity War

Un’altra grande domanda era il motivo per cui sia tornato Teschio Rosso:

A livello dell’MCU è il primo ad essere ossessionato da queste Gemme dell’Infinito nell’ MCU e chiaramente non è morto alla fine de Il Primo Vendicatore. L’idea di dove sarebbe potuto andare è così allettante e molto simile alla possibilità di ricoprire ruoli diversi […] che si adatta perfettamente a questo momento. 

Markus e McFeely hanno lavorato su tutti e tre i  film di Capitan America,  Infinity War Avengers 4 il che significa che hanno visto il MCU sin dagli albori. McFeely ha parlato delle motivazioni dietro il suo ritorno:

L’MCU è un esperimento unico e il fatto che siamo stati lì per tutte le fasi è un privilegio ma sappiamo dove sono sepolti tutti i corpi. A volte, puoi riesumarne uno e rimetterlo in scena. 

VIA [1,2,3,4,5,6,7,8,9]