Il network The CW ha annunciato le date del crossover dell’Arrowverse con Arrow, Flash, Supergirl e…Batwoman! Ma non solo perché sembra proprio che Arrow sia stato richiamato dalla censura per essere troppo vicino a un Rating-R

Il crossover andrà in onda dal 9 all’11 dicembre. The Flash inizierà l’evento domenica alle 20.00 ora locale e sarà seguito da Arrow lunedì alle 20:00, nuova fascia oraria dello show, per poi concludersi martedì con  Supergril sempre alle 20.00 locali. Oltre a ciò, The CW ha annunciato che quando ci sarà il crossover vedremo anche il debutto di Kate Kane, anche conosciuta come Batwoman, che sarà interpretata da Ruby Rose.

  • Domenica 9 dicembre alle 20:00: The Flash
  • Lunedì 10 dicembre alle 20:00: Arrow
  • Martedì 11 dicembre alle 20:00: Supergirl

Ecco di seguito il poster aggiornato con le date ufficiali:

Arrow Batwoman

Sull’incontro con Batwoman che avverrà prima in Arrow Stephen Amell assicura che sarà più sulla conoscenza del personaggio:

Dato che l’anno scorso abbiamo realizzato un crossover enorme, non puoi farlo ancor più grandioso, quindi devi fare di più sui personaggi e la storia. 

Leggi anche – Wonder Woman vince The Top Movie Honor agli Hugo Awards 2018

Melissa Benoist che interpreta Supergirl non vede l’ora di vederla combattere:

Durante le stagioni, Kara ha fatto alcune battute divertenti su Batman e le sue considerazioni – pensa che i vigilanti siano pazzi. Quindi, sono felice di vederla incontrare Batwoman e vedere come interagiranno.

Inoltre nel crossover con Batwoman Stephen Amell potrebbe avere il pizzetto classico di Arrow come ha dimostrato lo stesso attore di recente:

Leggi anche – Deadpool 3: torna David Leitch? Reynolds insiste per Hugh Jackman

Di recente Amell ha dichiarato che potremmo vedere in prigione dei cattivi dalle stagioni precedenti:

Oliver è in prigione con un gruppo di persone che ha messo lì. Siamo stati abbastanza fortunati da riportare alcune persone nello show che non vedete da un po ‘di tempo. 

Il regista James Bamford, che ha diretto la premiere della settima stagione, ha approfondito il commento di Amell toccando le diverse dinamiche e sfide che Oliver affronterà nella prossima stagione:

Stiamo studiando dinamiche completamente diverse all’interno della mitologia dello show e questo succede all’interno della prigione di Slabside Supermax. C’è un mondo intero, come sai, all’interno di una comunità carceraria e vedremo quanto durerà e cosa e chi incontra mentre è lì dentro. In pratica è lasciato aperto a molteplici possibilità per quanto riguarda i personaggi che potrebbe ritrovare.

Leggi anche – Batman esiste nell’Arrowverse ma non ci sono piani per introdurlo

Andando a paragonare il soggiorno di Oliver Queen in Slabside, il regista si avvicina ad uno dei fantastici abbinamenti della DC Comics di tutti i tempi, Batman e The Joker:

Quello che ho detto agli altri è: ‘E se Batman fosse messo in prigione con Joker fosse proprio lì accanto?’ Le possibilità sono infinite. Non posso dire esattamente chi o cosa incontri lì dentro, ma è un posto piuttosto oscuro, orribile, malvagio. Vogliamo che il pubblico non solo senta com’è essere confinato in un posto così. Voglio che il pubblico senta quello che prova, quindi avrai – spero, se avremo fatto il nostro lavoro correttamente – l’emotività giusta. Avrai una sorta di voglia di fuggire via da questa prigione, vi dovrà sembrare reale. 

Bamford ha rivelato che la stagione in arrivo sarà più simile alla prima ma introdurrà anche nuovi elementi:

Nella premiere troverete similitudini con la prima stagione, ma ci saranno pure elementi nuovi, inesplorati.

Leggi anche – Iron Fist – stagione 2: super trailer finale, poster e banner

Bamford ha concluso dicendo anche che la settima stagione di Arrow si è spinta così tanto ai limiti da attirare l’attenzione dei censori The CW:

Beth e io abbiamo avuto una telefonata con il BNSP, che è il nostro organismo di censura…una telefonata molto lunga su una scena in particolare che non avevamo mai fatto prima. Quindi stiamo davvero cercando di spingere i limiti dello show nel fattore dark. Stiamo cercando di andare il più lontano possibile all’interno dei confini della nostra rete e cosa ci si aspetta da noi e cosa possiamo o non possiamo fare. Non siamo su Netflix quindi non saremo mai in grado di fare un Rating-R ma siamo dannatamente sicuri di provarci.

Bamford ha concluso sull’oscurità dello show:

Siamo sempre stati orgogliosi di essere lo spettacolo più dark, e continueremo ad esserlo. Nell’universo, abbiamo The Flash,  Supergirl,  Legends  [of Tomorrow], auto-descritto più come un ‘cielo blu’, se vuoi vederla così. Siamo decisamente uno spettacolo dark e non cambieremo.

Infine lo showrunner ha rivelato il titolo del terzo episodio di Arrow, Crossing Lines:

VIA [1,2,3]