Ant-Man and the Wasp

Kevin Feige spiega il tempo nel Regno Quantico, indizio per Avengers 4?

Kevin Feige spiega come funziona il tempo nel Regno Quantico, indizio per l’attesissimo Avengers 4?

Home » Articoli » Cinema » Ant-Man and the Wasp » Kevin Feige spiega il tempo nel Regno Quantico, indizio per Avengers 4?

info immagini video articoli recensione

Kevin Feige spiega il tempo nel Regno Quantico, indizio per Avengers 4?

Il Presidente dei Marvel Studios Kevin Feige spiega come funziona il tempo nel Regno Quantico, si tratta di un grosso indizio per Avengers 4?

Il presidente di Marvel Studios Kevin Feige ha spiegato come funziona il tempo nel regno quantico in Ant-Man and the Wasp.

Leggi anche – Ant-Man and The Wasp ora proiettato verso i 95 milioni all’apertura

Gli spettatori sono stati introdotti a questa dimensione nel 2015 in Ant-Man. Hank Pym che lo descriveva come “una realtà in cui tutti i concetti di tempo e spazio diventano irrilevanti.” Quando Marvel ha scelto Michelle Pfeiffer per interpretare Janet van Dyne, tuttavia, sembrava suggerire che Hank si sbagliava. Dopotutto, se il tempo non passa nel Regno Quantico, allora Janet non sarebbe mai potuta invecchiare.

In realtà, sembra che il passare del tempo nel Regno Quantico sia un po’ più complesso di quanto pensasse Hank. Parlando a Slash Film, Feige ha sottolineato che esistono “diversi livelli” nel Regno Quantico. Questa è in realtà una spiegazione abbastanza chiara del perché l’esperienza di Scott Lang in Ant-Man and the Wasp sia diversa da quella vista in Ant -Man. Presumibilmente funziona come una sorta di serie di cerchi concentrici: più a fondo entri nel Reame Quantico, più le leggi della realtà – leggi come il tempo e la gravità – cessano di essere applicate.

Leggi anche – Ant-Man and The Wasp: la descrizione delle scene post-credit [SPOILER]

Secondo Feige, la natura del Regno Quantico e il passare del tempo erano un grosso dilemma durante la produzione. Alla fine Marvel ha concluso che la storia stessa richiedeva il passare del tempo. Come ha spiegato Feige:

In ultima analisi si desiderava avere una riunione emotiva con Michael Douglas ed Evangeline Lilly e il nostro primo istinto era sempre stato specificamente legarli con Michelle Pfeiffer dal primo film. Doveva essere qualcuno con l’età giusta. Al contrario di Michael Douglas con qualcuno che non invecchia, o Evangeline Lilly che si connetteva con qualcuno che non era invecchiato, aggiunge solo un altro strato di stranezza da fantascienza. 

Marvel non è affatto avversa alla “stranezza da fantascienza” – basta guardare i Guardiani della Galassia di James Gunn.

Leggi anche – Ant-Man and The Wasp: svelato il cameo di Stan Lee

Fonte

Aggiungi un commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Ant-Man and the Wasp gatto parodia

Ant-Man and the Wasp e il “gatto-trailer” parodia

Denise Maria Paulis12 luglio 2018
Michael Douglas Michelle Pfeiffer Ant-Man and The Wasp

Michael Douglas vuole film prequel col suo Ant-Man in CGI

Livio Rezoagli11 luglio 2018
Janet Van Dyne Ant-Man and The Wasp

Ant-Man and The Wasp: tagliato flashback su Hank e Janet

Livio Rezoagli11 luglio 2018
Ant-Man and The Wasp Marvel Studios

Ant-Man And The Wasp, il regista parla di un possibile ritorno del Calabrone

Denise Maria Paulis11 luglio 2018
Marvel Studios Ant-man and the wasp

Ant-Man and The Wasp porta l’MCU a 17 miliardi

Livio Rezoagli10 luglio 2018
Ant-Man and The Wasp

Ant-Man and The Wasp apre con quasi 80 milioni negli USA e 200 nel mondo

Livio Rezoagli10 luglio 2018