Black Panther

Black Panther, spiegate le scene Post-Credit: il Lupo Bianco e il messaggio sociale

Attenzione l'articolo contiene spoiler sulle scene Post-Credit di "Black Panther"

Home » Articoli » Cinema » Black Panther » Black Panther, spiegate le scene Post-Credit: il Lupo Bianco e il messaggio sociale

info immagini video articoli recensione

Attenzione l'articolo contiene spoiler!
Voglio leggerlo
Black Panther, spiegate le scene Post-Credit: il Lupo Bianco e il messaggio sociale

Black Panther scene post credit e grandi significati, così potremmo introdurre l’articolo in particolare per la prima scena post credit che ha un importante significato sociale.

1. Durante la prima scena, T’Challa (Chadwick Boseman) presenta lui e il suo paese, Wakanda, all’ONU in una stanza piena di leader mondiali. Si dice pronto ad offrire le conoscenze e le risorse della sua nazione a tutti gli altri come parte di un bellissimo discorso non solo sul valore, ma sulla necessità di unità per il genere umano.

T’Challa dice che la nostra stessa esistenza è minacciata da “illusioni di divisione“. Sappiamo, o almeno dovremmo riconoscere, che “sono più le cose che ci connettono che non quelle che ci separano“. Il re di Wakanda ha ricevuto gli applausi quando ha aggiunto che nei momenti di difficoltà “i saggi costruiscono ponti mentre gli sciocchi costruiscono barriere“.

Quest’ultima parte è una sottovalutazione non poi così sottile dell’odiosa retorica “costruisci il muro” su cui l’attuale presidente degli Stati Uniti ha diretto la sua campagna del 2016 ma ovviamente le “barriere” di cui T’Challa sta parlando vanno oltre le strutture fisiche, qui si parla di società e di connessione tra i popoli.

2. Nella seconda scena invece vediamo dei bambini guardare un uomo e poi uscire fuori per giocare, in quel momento vediamo Shuri e Bucky con quest’ultimo che esce fuori per passeggiare nel suo piacevole viaggio a Wakanda e sentiamo i ragazzini gridare il soprannome di “Lupo bianco!” all’ex Soldato d’Inverno. Giusto, il ragazzo ha la pelle bianca ma i fan dei fumetti di Black Panther potrebbero essersi persi per un easter egg che vi sveliamo noi. Il lupo bianco è anche il nome di un villain noto dei fumetti.

Nei fumetti, White Wolf è l’alter ego del fratello maggiore adottato da T’Challa: un uomo bianco di nome Hunter. Nei libri, i genitori di Hunter muoiono in un incidente aereo che si schianta su Wakanda e viene allevato dal re T’Chaka. Quando il fratello adottivo più giovane di Hunter, T’Challa, ottiene il trono al posto suo, il lupo bianco è consumato dalla gelosia e sente che la corona dovrebbe appartenere a lui. Vi suona familiare? Sì, sembra che un sacco di storia di White Wolf sia stata assorbita da questa versione di Erik Killmonger di Michael B. Jordan (che ha un suo retroscena a fumetti non dissimile).

Nonostante ciò il lupo bianco supera i suoi pensieri fratricidi / regicidi, e diventa il leader dell’Hatut Zeraze, la polizia segreta del Wakanda da non essere confusa con le Dora Milaje. Questa Hatut Zeraze dei fumetti era piuttosto violenta quindi non vedremo sicuramente Bucky diventare il poliziotto cattivo di Wakanda ma potrebbe essere una sorta di nome da leadership perfetta per l’arrivo della Guerra dell’Infinito che ormai è sempre più vicina.

Aggiungi un commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Wonder Woman Black Panther

Black Panther domina ai Saturn Awards e Wonder Woman…

Livio Rezoagli2 luglio 2018
Wonder Woman Black Panther

Black Panther e Wonder Woman trionfano agli MTV Movie and TV Awards

Livio Rezoagli19 giugno 2018
Black Panther

Black Panther vince il Golden Trailer Awards per il miglior trailer [VIDEO]

Livio Rezoagli2 giugno 2018
Black Panther 2 Doctor Strange 2

Black Panther 2 e Doctor Strange 2: incontri avvenuti con i registi

Livio Rezoagli1 giugno 2018
Black Panther

Black Panther: svelate due scene tagliate [VIDEO]

Livio Rezoagli30 maggio 2018
Black Panther

Black Panther 2: Donald Glover nel cast e torna Killmonger?

Livio Rezoagli23 maggio 2018