Home » Articoli » Senza categoria » Facebook acqusisce Glancee

Facebook acqusisce Glancee

Senza categoria
Facebook acqusisce Glancee
Nel week-end scorso, Facebook ha annunciato l’acquisizione di Glancee, e con questa operazione potrebbero aprirsi nuovi scenari per il social network legati alla geolocalizzazione nell’ambito mobile. Glancee è un applicazione che dà la possibilità di individuare se nelle vicinanze vi sono persone con le quali si condividono amicizie, interessi, o altri elementi. 

Alla base del funzionamento di Glancee, vi è dunque, la geolocalizzazione degli utenti, e questo dettaglio unito alle potenzialità delle informazioni condivise attraverso il social network potrebbe aprire nuovi interessanti scenari. Inoltre, c’è da dire che Glancee è un progetto completamente italiano, quindi un minimo di orgoglio per la scelta da parte di Facebook di acquisirlo è più che lecito. 

Per il momento non sono ancora chiari i dettagli economici dell’accordo (anche se per i creatori di Glancee sarà stato sicuramente un ottimo risultato) e nè i dettagli tecnici di come Glancee verrà implementato nel social network, si sa solo che il team di Glancee, da adesso, fa parte del gruppo di lavoro Facebook. 



Articoli correlati

X-Men: Apocalisse

X-Men: Dark Phoenix, ci sarà Psylocke?

Fabio Di Paola8 luglio 2017
Iron-Man

Iron-Man: Robert Downey Jr. smetterà prima di diventare imbarazzante

Marco Cincinnato2 luglio 2017
justice league

Justice League: Batman in una nuova foto svelata da Zack Snyder

Livio Rezoagli27 giugno 2017
Avengers

Avengers: Infinity War, Vedova Nera e Hulk in un momento devastante

Anthony Buscemi26 giugno 2017
batman harley quinn

Batman e Harley Quinn: proiezione anticipata per una sera

Luca Russo23 giugno 2017
Supernova

X-Men: Dark Phoenix, Sophie Turner arriva a Montreal

Anthony Buscemi19 giugno 2017
Uncharted

Uncharted: L’Eredità Perduta, il trailer mostra un rapporto scontroso

Anthony Buscemi13 giugno 2017
wonder woman

Wonder Woman: Lynda Carter si congratula per il successo al Box Office

Fabio Di Paola8 giugno 2017