Home » Articoli » Senza categoria » Vecchi schermi a tubo catodico che diventano touch

Vecchi schermi a tubo catodico che diventano touch

Senza categoria
Vecchi schermi a tubo catodico che diventano touch
A quanto pare l’era dei monitor a tubo catodico, non è definitivamente tramontata.

Infatti tre studenti dell’Università di Hasselt, in Belgio, ha trovato un modo di trasformarli in schermi touch senza alcuna modifica, ma col solo utilizzo di un apposito guanto per interagire con essi. Il segreto, se così si può definire, sta proprio nel funzionamento dei monitor stessi, in cui fasci di elettroni interagiscono con i fosfori dello schermo generando le immagini.


Due fototransistor, uno per l’indice e uno per il medio, sono inseriti nel guanto, mentre un FPGA gestisce il monitor e prende la posizione dei fototransistor sul display grazie al flusso di elettroni. In questo modo con il solo utilizzo delle mani, e pià precisamente delle dita, è possibile guidare il cursore e interagire con lo schermo. Vi riportiamo un video che mostra il prototipo in azione, i suoi creatori stanno studiando per migliorare il sistema, pare infatti, che ci siano ancora alcuni problemi con i colori più scuri.

Aggiungi un commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Comcast Disney 21st Century Fox

Comcast alza l’offerta a 65 miliardi e tutta in contanti per Fox

Livio Rezoagli14 giugno 2018
Lego Gli Incredibili

LEGO Gli Incredibili: Il gameplay trailer sulle missioni Crimine a ondate

Livio Rezoagli20 maggio 2018
Rick and Morty

Rick and Morty: arriva il rinnovo per altri 70 episodi

Livio Rezoagli11 maggio 2018
Avengers: Infinity War Thanos

Avengers: Infinity War – ecco a cosa somiglia Thanos

Livio Rezoagli3 maggio 2018
marvel studios Kevin Feige

Kevin Feige rivela che i Marvel Studios potrebbero arrivare a rilasciare quattro film all’anno

Fabio Di Paola1 maggio 2018
stan lee Avengers: Infinity War

Avengers: Infinity War – rivelato il simpatico cameo di Stan Lee

Fabio Di Paola27 aprile 2018