Home » Articoli » Senza categoria » Toshiba e il 3D senza occhiali

Toshiba e il 3D senza occhiali

Senza categoria
Toshiba e il 3D senza occhiali
Tra qualche ora Toshiba presenterà al pubblico del CES qualcosa di molto interessante e che sicuramente la maggior parte di noi bramava. Uno schermo con tecnologia 3D senza occhiali e per la precisione un 55 pollici. 


Dopo il mancato exploit degli schermi con occhiali, era arrivato il momento di cambiare e Toshiba presenta questa nuova tecnlogia che sfrutta delle lenti direzionali di luce separata in modo che l’occhio destro e l’occhio sinistro catturino immagini lievemente sfalsate lasciando al cervello dello spettatore l’elaborazione dell’effetto stroboscopico in 3D. 

La nuova tecnologia permetterà la multivisione: potrà essere visto da più persone e da più angolazioni, infatti ne vengono garantite nove. La scomodità sta però nel fatto che si devono mentenere le stesse posizioni per tutto il tempo di visione, altrimenti se ci si sposta si perde l’effetto tridimensionale. La risoluzione del tv che verrà presentato a breve è di 4000 pixel molto più alta rispetto a quelli che la stessa azienda ha già messo in commercio lo schermo in Giappone e in Germania.



Articoli correlati

X-Men: Apocalisse

X-Men: Dark Phoenix, ci sarà Psylocke?

Fabio Di Paola8 luglio 2017
Iron-Man

Iron-Man: Robert Downey Jr. smetterà prima di diventare imbarazzante

Marco Cincinnato2 luglio 2017
justice league

Justice League: Batman in una nuova foto svelata da Zack Snyder

Livio Rezoagli27 giugno 2017
Avengers

Avengers: Infinity War, Vedova Nera e Hulk in un momento devastante

Anthony Buscemi26 giugno 2017
batman harley quinn

Batman e Harley Quinn: proiezione anticipata per una sera

Luca Russo23 giugno 2017
Supernova

X-Men: Dark Phoenix, Sophie Turner arriva a Montreal

Anthony Buscemi19 giugno 2017
Uncharted

Uncharted: L’Eredità Perduta, il trailer mostra un rapporto scontroso

Anthony Buscemi13 giugno 2017
wonder woman

Wonder Woman: Lynda Carter si congratula per il successo al Box Office

Fabio Di Paola8 giugno 2017