Home » Serie TV » Arrow » Arrow 6: la premiere avrà di nuovo i flashback su Lian Yu

Arrow 6: la premiere avrà di nuovo i flashback su Lian Yu

Dopo il finale della scorsa settimana, giungono le prime anticipazioni sulla premiere della sesta stagione di Arrow.


info immagini video articoli recensione

Arrow
Arrow 6: la premiere avrà di nuovo i flashback su Lian Yu

La scorsa settimana, The CW ha messo in scena il finale di stagione per i suoi show più importanti. Se il season finale di Flash, così come quello di Supergirl, ha lasciato gli spettatori decisamente commossi, nessuno avrebbe potuto prevedere il finale esplosivo di Arrow. L’adattamento televisivo di Freccia Verde ha visto concludere la sua quinta stagione in un mare di fuoco, lasciando Oliver Queen ad osservare Lian Yu andare in fiamme, presumibilmente assieme a tutti i suoi cari. Ovviamente, tutti i fans sono rimasti in sospeso in merito alle sorti del team e, se pensavate che i flashbacks fossero giunti ad una conclusione, vi sbagliate di grosso.

Recentemente, il produttore esecutivo di Arrow – Marc Guggenheim, ha parlato con Access Hollywood dello show. Quando gli è stato chiesto se la premiere avrebbe visto un ritorno su Lian Yu (in riferimento ai flashbacks), Guggenheim ha risposto:

“Se vuoi prendermi letteralmente in parola, si, torneremo sull’isola”



Non emozionatevi troppo, però. Andando avanti nell’intervista, Guggenheim ha affermato che il ritorno su Lian Yu non avrà a che fare con il grintoso passato di Oliver. Il produttore esecutivo infatti, ha richiamato l’attenzione sull’ultimo giorno trascorso con il team per lo sviluppo del filone narrativo dell’isola:

“Eravamo in riunione ieri e stavamo scorrendo i flashbacks fino alle battute finali. Mi sono girato verso gli sceneggiatori e ho esclamato: ‘Oh mio dio, abbiamo finito”.

Possiamo sentirci quindi sollevati – dato che non si cadrà più nella forzatura dei flashbacks sul passato di Oliver – e decisamente più tranquilli se pensiamo che ciò che Guggenheim intende per “ritorno sull’isola” è una narrazione che ruota attorno al finale della quinta stagione: precisamente, verrà narrato come ogni membro del team sia riuscito a sfuggire all’esplosione di Lian Yu (se è effettivamente riuscito nell’impresa).

Non aspettatevi comunque una stagione piena di flashbacks. In una conversazione con IGN, Guggemheim ha dichiarato che il team ideativo ha realizzato che l’espediente funzioni quando non eccessivamente abusato. Quindi vi saranno molti episodi senza flashbacks:

“Lo scorso anno, quando abbiamo realizzato di poter andare oltre la stagione 5, abbiamo preso una decisione collettiva per cui la quinta stagione sarebbe stata l’ultima per i flashbacks. L’anno prossimo, nella sesta stagione, faremo un po’ di episodi senza alcuna sorta di flashback. Abbiamo [anche] stabilito – nelle prime quattro stagioni ‘di prova’ – che possiamo realizzare delle storie tramite i flashbacks che non riguardano necessariamente quella che io chiamo la ‘narrazione dell’isola’ “.

“Lian Yu” 5×23

DEATHSTROKE. NYSSA AL GHUL, MERLYN E DIGGER HARKNESS SI UNISCONO ALLA BATTAGLIA DI OLIVER CONTRO PROMETHEUS. La battaglia tra Oliver (Stephen Amell) e Adrian Chase (Josh Segarra) culmina in un’epica battaglia finale su Lian Yu. Dopo i recenti avvenimenti, Oliver decide di reclutare un gruppo di improbabili alleati – Slade (guest star Manu Bennett, Nyssa (guest star Katrina Law). Merlyn (Josh Barrowman) e Digger Karkness (guest star Nick E. Tarabay) – per sconfiggere Chase. Comunque Chase ha le sue armi da giocare – Black Siren (guest star Katie Cassidy), Evelyn Sharp (guest star Madison McLaughlin) e Talia Al Ghul (guest star Lexa Doig) – e le due fazioni collidono in un esplosivo season finale. Jesse Warn ha diretto l’episodio scritto da Wendy Mericle & Marc Guggenheim.

Sinossi quinta stagione:

Oliver Queen, nominato di recente sindaco della sua città si trova in difficoltà a combattere su entrambi i fronti per il futuro di Star City. Con Diggle tornato in campo militare e Thea irremovibile sulla sua scelta di non riprende i panni di Speedy, il team di Green Arrow è rimasto solo con lo stesso Oliver e Felicity – ma non saranno più gli unici vigilanti in città. La sconfitta davanti agli occhi della gente di Damien Darhk alla fine della quarta stagione ha ispirato un nuovo manipoli di eroi mascherati a proteggere e difendere la città, anche se la loro inesperienza li renderà più degli ostacoli dolorosi che veri alleati sul campo. L’arrivo di un nuovo nemico letale costringerà Oliver a porsi delle domande sul proprio lascito sia come sindaco che come Green Arrow.

 

VIA