Home » Senza categoria » Motorola lascia gli stabilimenti in Corea del sud

Motorola lascia gli stabilimenti in Corea del sud

Senza categoria
Motorola lascia gli stabilimenti in Corea del sud

Motorola ha da poco confermato che chiuderà “la maggior parte” dei suoi stabilimenti in Corea del sud. La conferma è arrivata dal sito di news coreano DDaily che ha reso noto, tramite fonti interne, l’addio del presidente Coreano di Motorola Mobility, Jung Chul-jong. La mossa strategica nasce dallo sforzo di superare la crisi globale attraverso una ristrutturazione che dovrebbe far tornare all’antico splendore una compagnia, sì acquistata da Google, ma non per questo priva di debiti ed enormi difficoltà nell’insieme.


La “ristrutturazione” non prevede solo cambiare location ma purtroppo mette in conto anche la perdita, per molti operai, di un numero elevato di posti di lavoro, anche se, per quello che può valere, almeno il 6% riceveranno una buona uscita. La necessità del taglio dei posti di lavoro è stata resa necessaria da Google nel tentativo di contenere le perdite continue della divisione, che probabilmente erano troppe pure per il colosso di Mountain View.

 In una dichiarazione rilasciata alla stampa, Motorola ha fatto sapere che “questa è stata una decisione dolorosa ma necessaria” e ha confermato che si fermerà la vendita di dispositivi mobili in Corea, oltre a cessare il comparto di ricerca e sviluppo nel paese, ma Motorola ribadisce che “faremo ogni sforzo per rendere la transizione il più agevole possibile” ovviamente e soprattutto per i suoi dipendenti.

Motorola comunque non è la prima azienda ad andare via dalla Corea, HTC per esempio si è tirata fuori dal Sud già nel mese di luglio. 


http://www.plavid.com/adv_admin/advplayer.php?width=320&height=256&text_color=ffffff&sharebar=0&t=0&widescreen=0&idp=928&id_campagna=194