Home » Senza categoria » Google aggiunge un nuovo strumento per la cultura

Google aggiunge un nuovo strumento per la cultura

Senza categoria
Google aggiunge un nuovo strumento per la cultura
Dopo i fantastici strumenti di Street View, dei libri antichi digitalizzati, della Barriera Corallina e delle trenta mila opere d’arte digitalizzate, Google aggiunge un altro tassello alla sua libreria del sapere e della curiosità.
Ecco infatti che entra nelle meraviglie del Globo, con un sistema sviluppato in collaborazione con l’Unesco e l’agenzia Gerry Images. L’ambizioso progetto prevede di rendere disponibili in formato virtuale, ben 132 siti Unesco, in 18 diversi paesi, molti dei quali in Italia. A riguarda il nostro paese le aree interessate sono, Pompei, Castel del Monte Firenze, Napoli, San Gimignano, Siena, Urbino, Ferrara, Pisa, Matera, Le Cinque Terre, Le Città tardo barocche della val di Noto, la Costiera Amalfitana, i Trulli di Alberobello e Villa Adriana a Tivoli. Il sistema si compone da un’aggregazione di Street View, modelli 3D ed album fotografici forniti da Getty Images, ed è stato realizzato a scopo didattico, per permettere di visitare, almeno virtualmente, i posti più belli del mondo.